Organizzazioni saneorganizzazioni tossiche

Quando il lavoro ci fa star bene, e stando bene lavoriamo meglio


Summer school

Dentro le organizzazioni trascorriamo la maggior parte del nostro tempo di vita adulta. Non è dunque sostenibile una felicità pubblica e privata che non contempli e non prenda molto sul serio il benessere nei luoghi del lavoro che sono i luoghi della vita. Non dura molto un benessere cercato e vissuto nei luoghi extra-economici e extra-lavorativi circondato da un malessere mentre si lavora. Qualsiasi umanesimo che punti sullo star-bene delle persone deve porre al suo centro la qualità della vita che le persone riescono a sperimentare nel loro lavoro.Ma parlare di benessere lavorativo significa entrare direttamente nel merito delle relazioni interpersonali e dei luoghi di lavoro. Perché se è vero che ogni dimensione del benessere è una faccenda relazionale (inclusa la salute, che sembra il dominio più individuale), è ancor più vero che il bene nel lavoro è soprattutto un bene relazionale. Possiamo investire nel nostro capitale umano, avere la chance di scegliere il lavoro che sentiamo conforme alla nostra vocazione, ma se siamo immersi in relazioni tossiche con i colleghi, con il management, con clienti e fornitori, la vita lavorativa non fiorisce, e con essa sfiorisce la vita intera.La formazione nelle business school e nelle facoltà di economia è ancora troppo poco centrata sul capitale relazionale delle persone, sullo sviluppo e sull’accudimento di competenze relazionali e di virtù empatiche, così cruciali nelle imprese del XXI secolo.L’impresa è sempre stata una creatrice di valori molto più ampi del solo valore economico. Lo è sempre stata, ma oggi lo è di più, perché le imprese stanno diventando le principali agenzie di creazione di valori nel nostro tempo. La cultura del business è, ogni giorno di più, la cultura della società. Le sue tecniche e i suoi linguaggio stanno entrando nella politica, nella scuola, nella sanità, nelle organizzazioni di volontariato, ed è giunto il momento che la business community prenda coscienza di questo suo nuovo ruolo e responsabilità. Per il nostro benessere, per il nostro lavoro, per la nostra vita.

Il programma prevede interventi di esperti, momenti di riflessione personale e di gruppo,  finalizzati alla preparazione di piano di azione per iniziative di miglioramento del benessere all’interno delle proprie organizzazioni.

Relatori Alberto Peretti,Filosofo della felicità pratica, Filosofo del lavoro, consulente e formatore aziendale, ricercatore nel campo della filosofia sociale. Fondatore di Genius Faber Srl, società di consulenza strategica leader in Italia nella valorizzazione del lavoro delle imprese del Made in Italy. Luigino BruniEconomista umanista Rossana AndreottiProfessional Counselor e Coach Francesca BusnelliConsulente e formatrice nel campo delle dinamiche dei gruppi e della gestione risorse umane in particolare nel mondo del Terzo settore Alessandra SmerilliEconomista civile